mercoledì, 18 gennaio 2017 | Home | Contatti | Accedi

ANNO PROVA NEO ASSUNTI, CURRICULUM FORMATIVO: COS’È, COSA CONTIENE E COME SI COMPILA

ANNO DI PROVA

di Nino Sabella, OrizzonteScuola.it, 09.01.2017

Il curriculum formativo costituisce una delle attività che il docente in anno di prova e formazione è chiamato a svolgere nell’ambito della produzione del portfolio professionale.

Ricordiamo che il modello di formazione per i docenti neoassunti nell’a.s. 2016/17 o comunque in anno di prova e formazione, delineato dal DM n. 850/2015 e dalla nota n. 36167 del 5/11/2015, è stato confermato dalla nota n. 28515 del 04/10/2016.

Il DM n. 850/15, all’articolo 11 comma 1 lettera a), prevede che il neoassunto predisponga un portfolio professionale che contenga “uno spazio per la descrizione del proprio curriculum professionale”.\

Cos’è il curriculum formativo e professionale

Il curriculum professionale costituisce parte integrante del portfolio professionale docente e deve essere realizzato in piattaforma in formato digitale. Oltre al curriculum confluiscono nel portfolio anche il bilancio di competenze iniziale e finale, la documentazione di fasi significative della progettazione didattica, delle attività didattiche svolte, delle azioni di verifica intraprese e il piano di sviluppo professionale.

Il curriculum è un utile strumento per ricostruire l’identità professionale docente, ripercorrendo le esperienze formative e non, esperite in contesti sia formali, come la scuola, che informali.

E’ doveroso sottolineare la differenza lessicale tra quanto indicato nel DM suddetto, che parla di curriculum professionale, e la sezione dedicata della piattaforma Indire, in cui il curriculum è definito formativo.

Esperienze formative e professionali

Nel curriculum si devono riportare esperienze culturali, di studio, di formazione e/o attività lavorative significative, da mettere in relazione con la propria professionalità o meglio con il proprio modo di essere docente.

Per l’Indire, infatti, è possibili inserire:

“Non solo esperienze formali o istituzionali ma anche (ad esempio) incontri con colleghi, esperienze personali non direttamente connesse alla tua professione, eventi o percorsi che ti hanno lasciato qualcosa a livello di esperienza o di apprendimento che hai poi valorizzato nella tua professione”.

Il docente, dunque, può inserire non solo esperienze formali o istituzionali (ad esempio attività di insegnamento, attività formative organizzate dalla scuola, dall’università o altri enti qualificati…), ma anche quelle informali, quali possono essere ad esempio gli incontri/confronti con i colleghi, ed anche attività che esulano dal mondo dell’insegnamento. In sostanza, è possibile inserire tutte quelle esperienze, grazie alle quali il docente ha acquisito competenze poi trasferite e valorizzate nell’attività di insegnamento, non solo competenze disciplinari ma anche le cosiddette “soft skills”.

In definitiva, si tratta di esperienze, non per forza di insegnamento, che hanno influito sulla professionalità docente, agendo su alcune di quelle che possiamo definire le competenze costitutive della professione: competenze culturali, disciplinari, didattiche, metodologiche, relazionali, organizzative e gestionali.

Cinque è il numero massimo di esperienze che un docente può inserire nel proprio curriculum.

Ambiente Indire: sezione “Curriculum formativo”

Nella sezione “Curriculum formativo” (alla quale si accede, dopo essere entrato nell’area riservata, cliccando in alto sulla sezione “Portfolio” e poi su “Curriculum formativo”), è presente una struttura articolata in diversi campi da compilare (per ciascuna esperienza che si inserisce):

  • Ambito della esperienza
  • Anno di inizio
  • Durata (in mesi)
  • Breve descrizione
  • Cosa ho imparato?
  • Come ha inciso sulla mia professionalità?

Nel campo “Ambito dell’esperienza” si deve riportare il nome dell’attività (ad esempio: volontariato, insegnamento,  corso di formazione “___”, dopo scuola presso casa famiglia …).

Dopo aver riportato l’anno di inizio e la durata espressa in mesi, si deve descrivere brevemente l’attività/esperienza, riferendo quelle che si è fatto o l’oggetto dell’evento, illustrandone le caratteristiche e gli aspetti significativi.

Nel campo  “Cosa ho imparato?”, si devono riportare le conoscenze e le competenze acquisite, tramite una riflessione sull’evento o attività descritta.

Anche nel campo, “Come ha inciso sulla mia professionalità?”, si deve riflettere sull’attività svolta, mettendo in relazione quanto appreso con la professione docente, quindi riferendo come l’esperienza abbia influito sulla professionalità docente.

Il curriculum formativo e professionale, in conclusione, è un utile strumento per ricostruire l’identità professionale del docente, tramite un’attività di riflessione che caratterizza tutto il percorso del neo assunto e in particolar modo la formazione online, dal bilancio iniziale a quello finale dalla progettazione, realizzazione e verifica delle attività didattiche al piano di sviluppo professionale.

Neoassunti, anno di prova e formazione 2016/17: giorni utili, documenti di rito, portfolio digitale, valutazione finale. E book gratuito

Tags ANNO DI PROVA, Speciale,

  • Pubblicato 09/01/2017
  • Segnala su


 

centro

 

 istanze

 

 

 

   fgu_logo2b Gilda Unams