lunedì, 24 settembre 2018 | Home | Contatti | Accedi

PROFESSIONE DOCENTE, ON LINE IL NUMERO DI GENNAIO

PROFESSIONE DOCENTE

Professione Docente, Numero 1, anno XXVIII, gennaio 2018

–  Leggi il Numero 1 di Gennaio 2018.

IN QUESTO NUMERO:

Il dovere di parlare chiaro di Renza Bertuzzi
Parresia è una parola di origine greca che indica la libertà di dire tutto e la franchezza nell’esprimersi. Non starebbe a noi dirlo, ma a questa virtù ha cercato di conformarsi la Gilda fin dalla sua nascita…

Le promesse mancate della politica sulla scuola e sui docenti   di Renza Bertuzzi e Ester Trevisan
Inutile che i politici promettano se non stanziano impegni economici nè presentano programmi. Il punto del Coordinatore nazionale.

Il futuro delle pensioni: ecco le proposte della Gilda  di Rosario Cutrupia
Legge di Bilancio 2018: poche categorie salvate dall’ aumento dell’ età pensionabile

Vorremmo sapere…   di Fabrizio Reberschegg
Professione Docente rivolge ai partiti che si presenteranno alle elezioni 2018 poche essenziali domande in merito alle possibili riforme nel mondo dell’istruzione. Per orientare i colleghi al momento nella scelta motivata del voto politico

Elezioni RSU 2018   di Redazione
Ricordiamo ai colleghi le buone ragioni per cominciare a definire le liste Gilda-UNAMS in ogni scuola. Le elezioni si terranno forse in Aprile, quindi è bene utilizzare questo tempo utile per iniziare i confronti e le progettazioni per definire le liste che rappresenteranno la Gilda-UNAMS

Copiare nello studio: un imbroglio del mercato globale  di Marco Morini
Non punire chi copia non è solo uno sfregio alla giustizia sociale: plagiando e frodando di esame in esame si arriva ad avere avvocati che non sanno il codice, giornalisti che non conoscono l’italiano, medici che non sanno curare. Una società rotta nelle sue fondamenta

Esame finale del I ciclo: eppur si muove  di Fabio Barina
Tutte le novità e le relative osservazioni sulle norme che hanno messo mano alla farraginosità dell’ esame finale del I ciclo

La cancellazione del voto di condotta e la crisi dell’autorità adulta   di Gianluigi Dotti
La cancellazione per legge del voto di condotta, che perpetua il pedissequo genuflettersi della politica scolastica alla pedagogia “student center”, è un provvedimento che ha ricadute negative su tutto il sistema dell’istruzione perché contribuisce a mantenere nell’ambiguità l’esercizio dell’autorità adulta e ad erodere lo spazio professionale degli insegnanti

Dire di No   di Adolfo Scotto di Luzio
A questa nuova scuola del conformismo e non dell’ autonomia intellettuale e per di più asservita alle esigenze del mercato del lavoro. Per questo è necessario un lavoro di organizzazione profondo che chiami in causa, innanzitutto, l’associazionismo professionale dei docenti e su tutti la Gilda. Se si vuole dire no, bisogna allora concepire l’associazionismo professionale degli insegnanti su basi completamente diverse

Quante volte avete guardato il vostro telefonino, oggi?  di Fabrizio Tonello
L’homo distractus certamente non vincerà il Nobel, né diventerà primo ministro, se è un adulto, ma molto probabilmente resterà ignorante anche delle nozioni di base di matematica, storia e geografia se è uno studente, condannandosi a un futuro sociale e lavorativo assai faticoso

Il diritto di riparare   di Roberto Casati
Impariamo più storia e non cerchiamola sul web; impariamo qualche soluzioni meccanica e non guardiamo sullo smarthone per trovare alternative. La battaglia sul diritto di riparare è una delle grandi battaglie dell’illuminismo: come ricordava Kant, si tratta di togliere gli esseri umani da una condizione di inferiorità, in cui altri decidono una volta per tutte del nostro presunto bene

Concorso di … colpa  di Antonio Antonazzo
FIT: Formazione, Inserimento, Tirocinio: a breve il primo bando

Oltre il freddo turistico: a lezione dalla natura  di Renza Bertuzzi
In un libro suggestivo e affascinante, Roberto Casati ci parla del freddo non nemico ma maestro che rischiamo di perdere per sempre

Le parole della scuola e le parole della vita  di Massimo Quintiliani
Questo il tema del convegno promosso dalla Dante Alighieri per riflettere sul futuro della scuola e della formazione universitaria italiana. Ad aprire il simposio l’intervento della Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli

Scuola, Fedeli: “Costituiremo un Osservatorio strutturale sull’adolescenza”  di Massimo Quintiliani
Un Osservatorio strutturale sull’adolescenza per rispondere alle sfide educative che riguardano tutti

Il malo bonus  di Antonio Gasperi
Brevi osservazioni sul bonus per il merito dei docenti. Sul filo della logica

Dyslexia o Dysdaxia: de-medicalizzare l’infanzia   di Piero Morpurgo
Troppe difficoltà di apprendimento in Italia. Lo sviluppo del bambino è quello di un fiore di un giardino e non di un oggetto industriale o un prodotto di un laboratorio di neurochimica

Tutti i banchi sono uguali: un libro che apre profonde riflessioni sul ruolo della scuola e della diseguaglianza sociale  di Fabrizio Reberschegg
Christian Raimo, Tutti i banchi sono uguali. La scuola e l’uguaglianza che non c’è. Einaudi 2017. Un libro da leggere

1927: il Nobel per la Pace a un insegnante difensore delle Scuole!   di Piero Morpurgo

Ferdinand Buisson, fondatore della Revue Pédagogique e del Musée Pédagogique, professore di pedagogia alla Sorbonne offrì la ricompensa del premio Nobel agli insegnanti francesi affinché lavorassero per rafforzare il senso di fraternità tra i popoli

Un‘ astronave da salvare   di Renza Bertuzzi
V. Armaroli, Vincenzo Balzani, Energia per l’astronave Terra. Zanichelli 2017. Il problema dell’approvvigionamento energetico è la sfida più importante che l’umanità dovrà affrontare nei prossimi decenni. Cosa fare per aiutare l’ astronave terra ce lo spiega un libro essenziale di grande qualità e chiarezza

Le parole da non tacere  di Renza Bertuzzi
Tomaso Montanari, Cassandra muta. Intellettuali e potere nell’Italia senza verità. Edizioni Gruppo Abele 2017. Gli uomini di cultura non devono lasciare al potere, che ha il monopolio della forza, anche quello della cultura. Perché gli intellettuali (e quindi gli insegnanti) devono parlare franco

Tags PROFESSIONE DOCENTE, Speciale,

  • Pubblicato 29/12/2017
  • Segnala su