venerdì, 17 agosto 2018 | Home | Contatti | Accedi

PROFESSIONE DOCENTE: ON LINE IL NUMERO DI MARZO 2018

PROFESSIONE DOCENTE

Professione Docente, Numero 2, anno XXVIII, marzo 2018

 

Questo numero riserva molto spazio al rinnovo del Contratto, alle problematiche risolte e a quelle ancora aperte: un´informazione dettagliata su questo fondamentale argomento, con l´intervento del coordinatore nazionale, Rino Di Meglio. 

Quindi, i settant´anni della Costituzione e i principi in essa contenuti, ancora pienamente in vigore. Professione docente ha chiesto  a rappresentanti di pregio della cultura nazionale di intervenire sui temi della scuola, dell´ istruzione, della cultura. In questo numero i contributi di Tomaso Montanari e Adolfo Scotto di Luzio.

Segnaliamo, ancora, tra i molti articoli interessanti pubblicati, l´intervista a Luca Serianni, secondo il quale la libertà d´insegnamento non è solo un principio costituzionale ma anche un principio applicativo, nonché i contributi di Fabrizio Tonello sulla vulnerabilità di base nel sistema scolastico e di Roberto Casati sulle parole  usate nell´insegnamento della matematica, spesso “fuorvianti” o “mute” per chi la sta imparando.

Ma, come sempre, nel nuovo numero i nostri lettori troveranno molto altro ancora.

In questo numero Contratto, Costituzione e molto altro
.
  • Fine trattative: l’azione sindacale ha prodotto risultati importanti, sufficienti per alcuni sindacati ma non per la Gilda-Unams … di Gianluigi Dotti
    che non ha siglato il contratto, convinta che si poteva fare molto di più. Se solo il Governo avesse voluto mantenere le promesse  ampiamente divulgate in questi mesi; se davvero avesse voluto -come predicava- valorizzare il ruolo dei docenti e della scuola. La parola ora va ai delegati
    .
  • Dobbiamo sforzarci di educare in senso critico i cittadini per evitare che si schierino su determinati argomenti senza essersi adeguatamente documentati  di Ester Trevisan
    La libertà d’insegnamento non è solo un principio costituzionale ma anche un principio applicativo. Intervista a Luca Serianni
    .
  • I Settant’anni della Costituzione italiana di Redazione
    Il 2017 ha segnato i Settant’anni dalla promulgazione della Costituzione della Repubblica italiana che oggi è ancora in vigore, malgrado alcune modifiche non tutte “salutari”. Professione docente, che si …
    .
  • Scuola e Costituzione di Adolfo Scotto di Luzio
    Nella scuola che celebra i settanta anni della Costituzione manca proprio l’essenziale: la fiducia nel potere della cultura di portare le persone in luogo diverso da quello in cui sono nate. Se questa è la scuola che celebra i settanta anni della Costituzione repubblicana, allora in questo quadro c’è una presenza abusiva, o della Costituzione o delle nuove politiche scolastiche
    .
  • Articolo 9: la cultura per preservare la democrazia  di Tomaso Montanari
    Nel pensiero di Calamandrei si trova una lucida consapevolezza del valore civile e politico della scuola e della cultura e mettere la cultura tra i principi fondamentali della Repubblica per lui significava rafforzarne la tenuta democratica
    .
  • Come sempre la scuola e gli insegnanti rimangono al margine  di Fabrizio Reberschegg
    Analisi dettagliata di una situazione sconfortante: chiunque governerà avrà comunque una prospettiva politica sulla scuola e sull’istruzione non di medio-lungo periodo. Prevale ancora in tutte le forze politiche la visione della scuola come servizio aziendale all’utenza e non come Istituzione della Repubblica con il compito di formare i futuri cittadini in termini di diritti e responsabilità
    .
  • Vulnerabilità di base nel sistema scolastico  di Fabrizio Tonello
    Si iscrivono al primo anno di università centinaia di migliaia di studenti vulnerabili per la mancanza di competenze di base: italiano e matematica. Noi possiamo tentare di insegnare loro la scienza politica, la storia, la letteratura o la sociologia ma, in realtà, pestiamo l’acqua nel mortaio se il core knowledge manca.
  • La lezione frontale  di Alberto Dainese
    Confesso il mio peccato: adotto, in classe, la lezione frontale. E proclamo a gran voce che la lezione frontale è la vetta di ogni didattica. Non il simbolo di tutto il vecchiume da cui i maître à penser della psicopedagogia, e molti prèsidi e colleghi illuminati, ci vorrebbero affrancare
    .
  • Parole matematiche  di Roberto Casati
    Una ricerca ha mostrato come le difficoltà che incontrano gli studenti di scuola elementare a capire il funzionamento delle operazioni può essere legata proprio al linguaggio che usiamo per parlarne. Forse bastano piccole migliorie per togliere un po’ di ansia a chi la matematica la deve imparare, vale a dire tutti i cittadini moderni
    .
  • Alla fiera dei titoli  di Vito Carlo Castellana
    Si parla di merito e di valorizzazione della qualità dell’insegnamento ma la realtà dei fatti è ben diversa: ormai per diventare insegnanti si deve in certo qual modo “acquistare” titoli. Quale autorevolezza e quale prestigio sociale può rivestire un insegnante che di fatto ha comprato i titoli per accedere alla professione?
    .
  • La scuola breve  di Fabio Barina
    Il falso mito della concentrazione del tempo scolastico e il rischio che il tempo libero dei nostri ragazzi diventi sempre più vuota inattività, non sano otium
    .
  • 1928: diritti, innovazioni, restrizioni nella Scuola  di Piero Morpurgo
    L’Italia era prigioniera della dittatura e imprigionava soprattutto la Scuola.
  • In Gran Bretagna si riparla di Grammar school  di Marco Morini
    I governi Trump e May sembrano accomunati dalla precisa volontà di favorire l’istruzione privata a scapito di quella pubblica ed espandere i network delle scuole più esclusive, anche a costo di utilizzare a questo scopo le casse pubbliche
    .
  • Non è un paese per prof!  di Massimo Quintiliani
    La Legge 107/2015 segna il tramonto del mandato costituzionale e professionale dell’Insegnante?
    .
  • Come volevasi dimostrare  di Ester Trevisan
    E’ andato tutto come la Gilda aveva previsto. Resoconto interessante dell’ assemblea di gennaio dei delegati, prima della chiusura del Contratto, precipitosamente firmato da alcuni sindacati
Tags PROFESSIONE DOCENTE, Speciale,

  • Pubblicato 08/03/2018
  • Segnala su


 

centro

 

 

 

 

 

   fgu_logo2b Gilda Unams