mercoledì, 26 giugno 2019 | Home | Contatti | Accedi

MOBILITÀ 2019, ECCO QUANDO SCATTA IL VINCOLO TRIENNALE

MOBILITA'

di Fabrizio De Angelis,  La Tecnica della scuola, 04.04.2019

 

Ultime ore per i docenti che vogliono presentare domanda di mobilità: infatti c’è tempo fino a domani, 5 aprile 2019, per inoltrare l’istanza tramite Polis.
Tuttavia, è bene chiarire alcuni ultimi dubbi che vengono sollevati da alcuni lettori. Uno di questi è il vincolo triennale, che scatta per alcuni casi. Ecco cosa c’è da sapere.

Trasferimenti 2019: il blocco triennale

Prima di tutto, diciamo che sul CCNI c’è  anche la disposizione prevista nell’art.22, comma 4, lettera a1), del CCNL scuola 2016-2018, in cui si specifica che le procedure e i criteri generali per la mobilità professionale e territoriale fatte salve le disposizioni di legge, al fine di perseguire il principio della continuità didattica, i docenti possono presentare istanza volontaria non prima di tre anni dalla precedente, qualora abbiano ottenuto l’istituzione scolastica richiesta volontariamente. Stiamo parlando quindi del vincolo triennale. Tuttavia, è bene chiarire che ciò non vale per tutti i docenti.

Trasferimenti 2019: ecco quando scatta il vincolo triennale

Sono essenzialmente due i casi in cui scatta il vincolo triennale:

  1. Se il docente ottiene a domanda volontaria, e senza fruire di alcuna precedenza, una scuola indicata con preferenza puntuale nel modulo di domanda;
  2. Se il docente ottiene il trasferimento, all’interno del proprio comune di titolarità, in una scuola o espressa puntualmente come nel caso 1) o una scuola del distretto sub-comunale del comune di titolarità espresso come codice sintetico.

Trasferimenti 2019: ecco quando non vale il blocco triennale

Invece, il blocco di tre anni non è valido per gli insegnanti che richiedono soltanto codici sintetici, come quelli dei comuni e distretti (ovviamente diversi da quelli di titolarità), oppure codici sintetici delle province nel caso di mobilità interprovinciale.

Inoltre, è bene anche chiarire che i beneficiari della precedenza di cui all’art.13 del CCNI mobilità (quello che regola il sistema delle precedenze e dell’esclusione dalle graduatorie interne di istituto), se non soddisfatti in scuola del comune di residenza propria o di residenza del familiare da assistere, ma soddisfatti in scuola di altro comune, non dovranno seguire nessun vincolo triennale.

Mobilità docenti, Ata e personale educativo CLICCA QUI

Mobilità docenti religione cattolica CLICCA QUI

SCARICA  IL PDF DEL CCNI MOBILITA’ (clicca qui)

Tags MOBILITA', Speciale,

  • Pubblicato 05/04/2019
  • Segnala su