venerdì, 23 agosto 2019 | Home | Contatti | Accedi

PAS, FIRMATO ACCORDO TRA GOVERNO E SINDACATI. IL DOCUMENTO [PDF]

In primo Piano

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 11.06.2019

Firmata l’intesa tra governo e sindacati sul reclutamento. La trattativa, durata settimane, si è conclusa positivamente e al termine dell’incontro di stasera è stato firmato l’accordo.

Il documento (clicca qui)

Così il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti: “Soddisfazione per l’accordo raggiunto con i sindacati su reclutamento e Pas. Daremo risposta seria al precariato. Parte una nuova stagione di concorsi. Questo Governo sta mostrando grande attenzione verso il comparto dell’Istruzione”.

Cosa prevede l’intesa

L’accordo prevede una procedura riservata e semplificata che dà accesso al 50% dei posti disponibili per il concorso ordinario e un percorso abilitante speciale senza selezione in ingresso.
Il PAS sarà:
  • aperto a tutti i docenti con tre annualità di servizio nelle scuole statali, paritarie e percorsi di istruzione e formazione professionale limitatamente all’obbligo scolastico
  • attivato entro e non oltre il 2019
  • articolato su più cicli annuali
  • aperto alla partecipazione anche del personale di ruolo e ai dottori di ricerca
La procedura del concorso straordinario finalizzata alla stabilizzazione prevede:
  • l’accesso ai docenti con tre annualità di servizio nella scuola statale maturate negli ultimi 8 anni
  • il requisito di avere svolto almeno 1 anno di servizio nella classe di concorso specifica per la quale si concorre
  • la valorizzazione del servizio prestato
  • una prova scritta computer based
  • una prova orale non selettiva

La procedura conferirà a tutti i vincitori l’abilitazione.

Ulteriori 24.000 posti saranno poi destinati a un concorso ordinario per laureati in possesso dei requisiti previsti dalla disciplina vigente, fra cui 24 crediti formativi in ambito antropo-psico-pedagogico e metodologie e tecnologie didattiche.

“Con questi due concorsi per la scuola secondaria bandiremo, fra straordinario e ordinario, quasi 50mila posti. Altri 17.000 sono quelli del concorso ordinario per infanzia e primaria – conclude Bussetti –. Nei prossimi mesi, dunque, bandiremo quasi 70.000 posti nella scuola”.

Le organizzazioni sindacali esprimono soddisfazione per gli esiti della trattativa, che si è conclusa con una mediazione positiva che è riuscita a tenere insieme gli interessi dei lavoratori coinvolti con le esigenze di funzionamento della scuola.

Tags In primo Piano, PRECARI, Speciale,

  • Pubblicato 12/06/2019
  • Segnala su